10 errori da evitare nel trading online

Secondo statistiche di mercato il 90% delle persone che fa trading online perde denaro. Inizialmente è normale avere delle perdite dato che siamo i nuovi arrivati. Non è normale invece continuare a perdere soldi sui mercati dopo alcuni anni che portiamo avanti questo business. Per quanto la sfortuna possa essere dalla nostra parte, evidentemente qualcosa nella nostra metodologia o in noi stessi non funziona. In questo articolo vedrò di descrivere alcuni errori che nel trading online possono riverlarsi devastanti per il proprio conto e anche per il nostro ego,dato che perdere soldi porta comunque una certa frustrazione. Se siete dei nuovi trader vi suggerisco di memorizzare bene questi piccoli accorgimenti, perchè potranno realmente cambiare il vostro modo di fare trading e portarvi a far parte di quel 10% di persone che traggono guadagno dai mercati.

Regola N.1:controllare se stessi.
L’emotività nel trading online è uno dei peggiori nemici sia quando ha forma positiva che negativa. Davanti a più trade in guadagno ci sentiamo imbattibili, convinti di aver scoperto il magico metodo per diventare miliardari. Dopo tanta sicurezza arriva poi la perdita che se gestita male, porterà a perdere tutte le nostre operazioni andate in gain. Avidità, paura, gioia,rabbia ,speranza nel trading online sono nostri nemici. In questa attività l’emotività non deve assolutamente esistere. Dobbiamo ragionare come delle macchine sia in situazioni positive che negative. Sicuramente più facile a dirsi che a farsi, ma se sarete in grado di gestire voi stessi, avrete già fatto il 50% per essere profittevoli sul mercato.

Regola N.2:fare un corretto uso della leva finanziaria.
Il nostro broker online ci permette di usare la leva finanziaria, un potentissimo strumento per guadagnare sul mercato. Chi non desidera con un piccolo conto da 1000 euro lavorare con operazioni 50 o 100 volte superiori al nostro capitale? Grazie alla leva finanziaria questo è possibile.I problemi vengono a crearsi quando non sappiamo come gestirla e apriamo operazioni che non possiamo assolutamente permetterci, che con una sola perdita vanno a dimezzare il nostro piccolo capitale. La leva finanziaria è uno strumento che bisogna imparare ad usare nella maniera corretta fin dall’inizio. Questo perché se non si è in grado di farlo,abbiamo trovato il modo migliore per distruggere il nostro conto. Anche se il broker vi offre leve da 1:100-1:400, usate la giusta quantità di leva finanziaria in base alla vostra strategia e propensione al rischio.Studiate molto in demo per capire il reale funzionamento di questo strumento.

Regola N.3:non incrementare posizioni in perdita.
Quando siete entrati in un trade e sembra che il mercato vada nella direzione opposta, non incrementate MAI la posizione in perdita. Se il prezzo di un determinato strumento finanziario si trova vicino al nostro stop loss, è molto probabile che ci troviamo dalla parte sbagliata del mercato. Incrementare la posizione in perdita,specialmente con grandi quantità di denaro, porterà nella maggior parte dei casi a una perdita più grande di quella che ci eravamo prefissati. Una perdita maggiore vuol dire non rispettare il nostro piano di trading. Se la nostra operazione è andata in perdita, accettiamola senza perdere inutilmente dell’altro denaro.

Regola N.4:non mediare lo stop loss.
Altra importantissima regola è quella di non mediare MAI lo stop loss. Spostare la nostra protezione mentre il prezzo si muove dalla parte opposta, tutto questo perchè speriamo in un cambiamento della situazione, è un gravissimo errore quando si fa trading. Il nostro stop deve essere sempre calcolato nella maniera migliore per il nostro sistema di trading. Questo vuol dire che prima di entrare nel trade, noi abbia o calcolato quale punto è il migliore per uscire dal mercato in caso di situazione negativa. Spostando la nostra protezione noi stiamo solo sperando in un cambio di situazione. Come dicevamo nella regola numero uno, la speranza è un nostro nemico,quindi dobbiamo essere realisti. L’operazione è andata male e questo fa parte dell’attività. Altra cosa da evitare è mediare lo stop in favore dei guadagni,inserire uno stop loss stretto porterà solo un taglio dei profitti. Non siate avidi e calcolate sempre nel miglior modo la vostra uscita dal mercato.

Regola N.5:rispettare il proprio piano di trading.
Iniziare a fare trading senza una strategia vuol dire regalare i proprio soldi al mercato. Per essere profittevoli in questa attività occorre avere un metodo di lavoro che ci permetta di essere degli imprenditori, non dei giocatori d’azzardo. Ricordatevi sempre che non è il singolo trade a fare la differenza. Nel nostro piano di trading devono essere presenti tutti quei fattori che ci portano a operare in maniera corretta e non seguendo l’emotività. Segnali di entrata a mercato, uscita da un trade, parte di capitale da dedicare a ogni operazione devono essere solo alcuni dei punti della nostra strategia. Dobbiamo essere in grado di gestire ogni singola situazione in maniera decisa attraverso delle regole. Costruire un piano di trading da soli sicuramente ci porterà molto tempo e perdite di denaro nei primi periodi ma è un passaggio obbligato di ogni trader. Si possono risparmiare denaro e mesi di prove affidandosi a professionisti ma in caso contrario,armatevi di tanta pazienza e vedrete che alla fine avrete soddisfazione e profitti.

Regola N.6:avere rispetto del proprio denaro.
Quando si inizia a fare trading solitamente usiamo dei nostri risparmi o una piccola parte di soldi. Durante le prime perdite presi dalla rabbia apriamo grandi posizioni e perdiamo quantità di denaro che non pensavamo assolutamente di perdere. Questo perchè l’emotività ha preso il sopravvento e ci scordiamo una cosa fondamentale in questa attività: il rispetto per il nostro denaro. Il capitale con cui stiamo lavorando probabilmente è frutto di grandi sacrifici e ci stiamo dimenticando come abbiamo messo da parte moneta per moneta. Ricordate sempre con quanto sforzo avete raggiunto la somma per iniziare a operare in borsa. Controllate voi stessi specialmente durante le perdite e vedrete che rispettando il vostro denaro arriveranno anche i profitti. Trattando il capitale come soldi usati per una partita a Poker vi porterà irrimediabilmente ad azzerare il conto.

Regola N.7:prestare attenzioni alle correlazioni.
Date sempre molta importanza a quelle correlazioni chiave di mercato come ad esempio EUR/USD e USD/CHF. Essendo per la maggior parte del tempo correlate negativamente,aprire posizioni su queste due valute porterà a duplicare il rischio,specialmente se il mercato sta andando in direzione opposta solo con la prima valuta. Portate anche attenzione a cross minori,che presentano situazioni di correlazione matematiche,specialmente durante il rilascio di notizia per una delle due valute della coppia.Prima di operare pensate sempre se avete un tipo di operazione correlata con quella che volete aprire.

Regola N.8:analizzare il mercato con la giusta calma.
Analizzate il mercato dedicandogli il giusto tempo e senza mai farvi prendere dalla fretta di perdere importanti movimenti di prezzo, specialmente in ottica intraday. Entrare in maniera frettolosa senza aver individuato veri segnali solo perchè il prezzo ha intrapreso una direzione,può essere devastante per il conto. Prima di entrare a mercato bisogna sempre elaborare strategie, aspettando il giusto segnale per entrare in azione. Essere emotivi porterà nella maggior parte dei casi a perdere soldi e non vogliamo sicuramente che questo accada.

Regola N.9:accettare le perdite.
Regola fondamentale in questa attività è quella di accettare la perdite. Non esiste trader al mondo che non abbia mai perso una o più operazioni. Le perdite nel trading sono una cosa normalissima e il saperle gestire nella maniera corretta ci porterà a essere con altissime probabilità dei trader che dal mercato sanno guadagnare e non perdere.

Regola N.10:prendersi dei momenti di pausa.
Fare trading è sicuramente un tipo di attività che può portare parecchio stress,specialmente nei periodi iniziali quando dobbiamo elaborare il nostro piano di trading e studiare parecchio. Quando vi sentite stanchi prendetevi il vostro tempo,tanto i mercati sono sempre pronti con nuove occasioni. L’importante è arrivarci sereni mentalmente.

Conclusioni:
Queste regole per quanto possano sembrare semplici fanno realmente la differenza tra un trader profittevole e un trader perdente. Rispettandole si avranno sicuramente dei grandi cambiamenti nel nostro metodo di lavoro e sopratutto sulla nostra equity. Abbiate sempre rispetto di voi stessi, del denaro e del mercato. Sicuramente all’inizio non sarà facile ma come in ogni altra attività, bisogna studiare per raggiungere degli obiettivi ed essere professionali nel proprio lavoro.

Annunci