FTSE MIB: cosa accade e come comportarsi

Essendo un periodo caratterizzato da molteplici cambiamenti, alcune delle informazioni riguardanti la situazione politica potrebbero essere differenti nel momento della pubblicazione dell’articolo, registrato nella giornata del 25 maggio.

Le ultime sedute del nostro listino, il FTSE MIB, sono state caratterizzate da forti vendite e nervosismo sul mercato. Sono diverse le motivazioni sia dal punto di vista tecnico che fondamentale, a portare gli investitori a chiudere o vendere parte delle loro posizioni.

Tra queste non possiamo sicuramente non evidenziare l’indecisione sul nuovo governo o le parole di Matteo Salvini e Paolo Savona.

Come dovremmo comportarci davanti a questa situazione? Quali sono le motivazioni di queste performance negative?

In questa video analisi approfondiremo quelle che sono le principali cause dei movimenti attuali, spiegando come potremmo gestire la situazione attuale sia dal punto di vista fondamentale che tecnico.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

Annunci

Italia e BTP: lo spread a 200 punti deve preoccuparci?

Nelle ultime sedute abbiamo visto aumentare notevolmente lo spread BTP/Bund. Diverse sono le motivazioni che hanno portato alla vendita dell’obbligazionario di casa nostra, sia di carattere tecnico, emotivo e fondamentale.

Tra queste le parole di Matteo Salvini riguardo il nuovo governo e i suoi rapporti con l’Unione Europea, Giuseppe Conte come nuovo premier e un governo operativo da poche giornate.

Dobbiamo quindi preoccuparci di queste forti discese?

Dal punto di vista di un investitore approfondiremo le motivazioni che hanno causato la situazione attuale, e se questa debba essere vista come un qualcosa di preoccupante per la nostra economia.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

FTSE MIB, indici europei e americani: il punto della situazione

A causa di quelle che sono le indecisioni per la creazione di un nuovo governo, l’indice di casa nostra vede nelle sue contrattazioni forti movimenti di vendita.

Quali informazioni possiamo avere dai grafici? I movimenti di discesa hanno superato zone importanti?

In questa video analisi vedremo quello che accade sul FTSE MIB e sui principali indici europei e americani, analizzando i principali livelli e quadri tecnici. Oltre al nostro listino, approfondiremo la situazione tecnica su Dax, Euro Stoxx, Nasdaq, Dow Jones e S&P500.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

FTSE MIB: cosa accade dopo gli exit poll?

Buongiorno a tutti i lettori,
in questa video analisi vedremo quello che accade sul nostro listino azionario dopo gli exit poll, effettuando un breve riassunto di quanto accaduto durante le notte e quelli che potrebbero essere i prossimi scenari operativi.

Vedremo di approfondire il tutto anche attraverso l’uso dell’analisi tecnica, individuando punti sensibili di mercato e livelli chiave.

Ricordo che l’analisi è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

Indici europei: livelli chiave e considerazioni operative

Buongiorno a tutti i lettori,
in questa video analisi vedremo quello che accade sui principali listini europei attraverso un grafico daily. Ci concentreremo su: Dax, Euro Stoxx, FTSE100, FTSE MIB,Cac40.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

Mediobanca: importante resistenza in area 10.00

Buongiorno a tutti i lettori,
in questo breve articolo ci concentremo sul titolo azionario Mediobanca.

Dal punto di vista tecnico il titolo bancario mostra un’importante zona di resistenza posta in area 9,90-10.00. Questa zona risulta fondamentale per le contrattazioni, dato che in passato ha rappresentato un difficile ostacolo per nuovi movimenti rialzisti. Abbiamo infatti visto come nel 2015 e nelle ultime sedute del 2017, il mercato abbia nuovamente subito delle vendite, andando a evidenziare l’importanza che questa zona rappresenta per gli investitori.

Altro punto chiave da tenere sicuramente in considerazione è l’area di supporto posta tra 9.10-9.30, dove il mercato ha svolto le sue contrattazioni negli ultimi tre mesi, non permettendo ai prezzi di raggiungere quotazioni inferiori.

Sarà importante vedere come il mercato concluderà le sue contrattazioni settimanali, in modo da fornirci importanti indicazioni su come comportarci con il titolo. Per un tipo di operatività più sicura la cosa migliore sarebbe attendere una reazione dei prezzi davanti alla resistenza di 10.00, così da aver possibilità di operare su un ipotetico breakout o cercare nuovamente di vendere il titolo su questo livello.

 

Due interessanti titoli per il 2018

Il 2017 è quasi giunto al termine, e sicuramente alcuni di voi si staranno chiedendo quali potrebbero essere interessanti titoli da seguire per il prossimo anno. A mio parere, possiamo individuare interessanti occasioni all’interno dei nostri mercati, come ad esempio:

Mediobanca: dal punto di vista tecnico il titolo bancario mostra un’importante zona di supporto posta a 8,90. Questo livello risulta fondamentale per le contrattazioni, dato che in passato ha rappresentato un difficile ostacolo per nuovi movimenti rialzisti. Abbiamo infatti visto il suo superamento nelle ultime settimane di ottobre, dopo ben due anni di test negativi.

Per un tipo di operatività molto conservativa, sarebbe prudente attendere un ritorno delle contrattazioni in area 8,90, e acquistare solo davanti a una conferma da parte dei volumi e pattern di prezzo.

 

 

 ENI: il titolo continua a mostrare l’affidabilità del supporto dinamico creatosi con i minimi avuti nel mese di febbraio 2016. A partire dal quel momento il mercato ci ha fornito un secondo minimo crescente, andando così a confermare la creazione di questo supporto.

Se si desiderasse acquistare il titolo, sarà importante seguire le contrattazioni del petrolio e da un punto di vista tecnico, attendere un ritorno dei prezzi in area 14,30-14,50. Fondamentale che le contrattazioni abbiano le loro chiusure all’interno di questa zona, e non siano esclusivamente dei tentativi di raggiungimento.

 

Indici europei: i livelli da monitorare

Inizia una nuova settimana di contrattazioni e sui principali indici europei è possibile individuare con precisione i livelli da monitorare.

In questa breve video analisi prenderemo in considerazione DAX, EURO STOXX e FTSE MIB per comprendere su quali livelli pianificare la nostra operatività.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

FCA: analisi e considerazioni operative

Il titolo azionario FCA mostra dal punto di vista grafico delle situazioni interessanti. Prendendo in considerazione i movimenti da inizio anno, possiamo individuare con precisione livelli chiave di supporto e resistenza, sia statici che dinamici.

Lavorando su queste zone di prezzo è possibile ipotizzare la creazione di due diverse situazioni tecniche: una compressione di volatilità e un canale rialzista. Sarà molto importante seguire lo sviluppo delle prossime contrattazioni sul titolo, dato che queste andranno a confermare quale delle due figure sarà valida.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

FTSE MIB: cosa aspettarci?

Dal alcune giornate il nostro listino continua a muoversi all’interno di alcune aree ben definite senza riuscire a trovare una direzionalità. E’ possibile identificare queste zone come 21.200 per quanto riguarda la resistenza, 20.600 il supporto.

All’interno di questa video analisi vedremo cosa accade sul listino di casa nostra attraverso il grafico giornaliero, individuando attraverso l’uso dell’analisi tecnica le zona importanti di prezzo sia statiche che dinamiche. Verranno mostrati anche alcuni scenari che potrebbero verificarsi nelle prossime sedute.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.