EUR/USD e coppie major: analisi e considerazioni

In questa video analisi vedremo quello che accade sulle principali coppie del mercato valutario, individuando i punti fondamentali di mercato attraverso livelli statici e dinamici. Forniremo anche ipotesi su quelli che potrebbero essere i movimenti del mercato nelle prossime sedute.

L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

Annunci

Forex e oro: prepariamoci ai Non Farm Payrolls

Nella giornata di oggi avremo il rilascio dei dati riguardanti l’occupazione americana, uno dei market driver più importanti all’interno del mese.

I cambi maggiori mostrano attraverso il movimento dei prezzi attesa per quanto riguarda l’esito del dato, muovendosi all’interno di zone ben definite.

Come prepararci a questa importante notizia?

In questo video mostreremo quelli che sono i livelli chiave da seguire con attenzione durante il rilascio dei dati, in modo da poter pianificare la nostra operatività una volta che questi siano stati rilasciati.

L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per investimenti.

 

S&P500: analisi multiframe durante i Non Farm Payrolls

A pochi minuti dal rilascio dei dati riguardanti l’occupazione, l’indice S&P500 sembra mostrare forza rialzista nonostante questi si mostrino al di sotto delle aspettative. Attraverso l’uso di quattro diversi orizzonti temporali, analizzeremo quello che accade sull’indice americano, dove il movimento dei prezzi sta mettendo a dura prova resistenze statiche e dinamiche.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

I mercati a pochi minuti dai Non Farm Payrolls

Sono stati da poco rilasciati i dati riguardanti l’occupazione negli Stati Uniti, con stime inferiori a quanto previsto dagli analisti.

In questo video osserveremo la reazione dei principali mercati (valutario,azionario e materie prime) davanti a questo importante market mover. L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta suggeirmento per investimenti.

 

Petrolio: i NFP di oggi porteranno una direzionalità?

Analizzando la quotazione del petrolio, non sarà sfuggito all’occhio più attento una compressione di volatilità creatasi nell’ultimo mese. Questa indecisione da parte degli operatori, è confermata anche dalla diminuzione dei volumi delle contrattazioni negli ultimi 30 giorni. La zona di prezzo compresa tra 44,00/44,30 dollari a barile rappresenta il supporto per la quotazione dell’oro nero. Come resistenza abbiamo invece una trendline dinamica che prendendo come riferimento il massimo di 49,67  del 31/08/2015 continua a contenere i prezzi all’interno della figura. Nella giornata di ieri abbiamo visto una falsa rottura verso l’alto, rientrata nuovamente all’interno del triangolo durante la giornata. Le notizie di oggi riguardanti i Non Farm Payrolls potrebbero essere determinanti per portare finalmente una direzionalità in questa fase di indecisione. A rafforzare questa ipotesi sono parecchi fattori, tra cui il rapporto che c’è tra il biglietto verde e la quotazione dell’oro nero e l’importanza della notizia, vista dagli operatori come uno dei più importanti market mover mensili. Lavorando attraverso l’analisi tecnica i livelli di approdo del prezzo sarebbero posti a 40,00 dollari al barile nell’ipotesi di un movimento ribassista. Con un movimento rialzista, l’area dei 50,00 dollari rappresenta invece una zona di prezzo dove le quotazioni dell’oro nero potrebbero arrivare. Questi movimenti non vedrebbero i raggiungimenti del loro target all’interno di una singola giornata, trattandosi di oscillazioni di prezzo analizzate su grafico giornaliero.

Crude Oil Full1115 Future

Oro:ancora visto come un bene rifugio?

L’oro ha da sempre rappresentato un porto sicuro per gli investitori,dove rifugiarsi in periodi di insicurezza economica.Prendendo in analisi gli ultimi mesi di contrattazioni sui mercati,questo suo ruolo è venuto a mancare.Nel video verranno fornite alcune spiegazioni per cui il metallo giallo sta avendo dei comportamenti diversi da quelli avuto in passato.Esaminandolo in correlazione e relazione a USD/JPY,S&P500 e DAX,vedremo come la crisi greca,il crollo dei mercati cinesi e le aspettative per un rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve abbiano influenzato i comportamenti dell’oro.Il video è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per investimenti,essendo opinioni personali riguardo la situazione attuale dei mercati.

NonFarm PayRolls:Analisi panoramica a pochi minuti dal rilascio del dato

In questo video sarà analizzato il mercato dei cambi e materie prime dopo il rilascio dei dati riguardanti i NFP,uno dei principali indicatori economici per quanto riguarda l’economia degli Stati Uniti.

 

GBP/USD:congestione su grafico H1

La coppia valutaria GBP/USD si trova da alcune sedute all’interno di una fase congestiva.Lavorando sulle chiusure del prezzo,possiamo individuare come livello di supporto 1.56800,mentre come resistenza 1.57600.Prendendo invece come riferimento i massimi e minimi assoluti di questa congestione,si può lavorare con le aree di prezzo delineate all’interno dell’immagine.Trovandoci all’interno di una fase congestiva,non è possibile individuare una direzionalità per quanto riguarda un tipo di operatività su tendenza.Le possibili soluzioni sono di lavorare la fase di trading range,comprando i minimi e vendendo i massimi oppure aspettare un breakout di questa congestione.Essendoci domani i NFP e avendo davanti dei mercati molto nervosi a causa della situazione riguardante la Grecia,aspettare un breakout di uno dei due livelli è sicuramente una scelta che porta dalla nostra parte una copertura dei rischi migliore.La media mobile esponenziale a 100 periodi si trova ad essere tagliata più volte dato il contesto di mercato in cui ci troviamo,quindi non deve essere presa come indicazione direzionale.

 

Chart_GBP_USD_Hourly_snapshot

EUR/USD:tenuta del supporto a 1,10

Il cambio EUR/USD va a confermare nelle ultime due sedute la tenuta del supporto posto a 1,10000.Nelle giornate precedenti  il cambio era rimasto in una fase congestiva (Quadro arancione) che non riusciva a dare nessuna indicazione direzionale.Trovandosi al di sotto del livello chiave l’ipotesi poteva essere quella di una continuazione verso livelli di prezzo inferiori.Situazione andata totalmente a cambiare con la seduta del 2 giugno,dove abbiamo visto EUR/USD tornare con forza sopra il livello di 1,10,andando a dimostrare la forte presenza dei compratori sul mercato.Questo segnale rialzista è andato a trovare conferma anche nella giornata di ieri,con la formazione di nuovi massimi rispetto alla giornata precedente.Due sedute di mercato che hanno quindi riportato il cambio in area 1,1250,andando ad assorbire i movimenti avvenuti nelle due settimane precedenti.Un prossimo livello di approdo è posizionato in area 1,1500,dove il prezzo potrebbe andare a segnare un nuovo massimo rispetto a quello della seduta del 15/05,dove il prezzo non è riuscito a superare il livello chiave di resistenza andando a segnare il massimo a 1,14667.Nel momento in cui scrivo,poco prima del’apertura delle contrattazioni europee,il prezzo del cambio va a trovarsi sulla media a 100 periodi del grafico daily,andando a delineare l’importanza di questa zona di contrattazione per questa coppia valutaria.Nella giornata di domani ci sarà il rilascio dei dati americani riguardanti l’occupazione non agricola,che metterà fine a questa settimana di mercato ricca di dati macroeconomici e volatilità.

eurusd

EUR/USD:analisi dopo il rilascio dei NFP (Non farm payrolls)

In questo video sarà analizzato il cambio EUR/USD dopo il rilascio dei dati riguardanti le buste paghe negli stati uniti.L’analisi verrà effettuata su diversi timeframe,in modo da vedere nello specifico quali sono stati i movimenti che abbiamo avuto durante il rilascio del dato e quanto hanno modificato il quadro tecnico sul lungo termine.