Sterlina inglese: reazioni al PIL e quadri tecnici

Importante giornata per la valuta del Regno Unito, che vede durante la mattinata il rilascio dei dati riguardanti il prodotto interno lordo, sia su base annuale che trimestrale. Abbiamo dal punto di vista fondamentale un aumento dello 0,1% del PIL su base trimestrale, che si attesta allo 0,2% con una previsione al di sopra della stima degli analisti e del dato precedente. Differente invece il dato su base annuale, invariato rispetto alla previsione degli analisti ma inferiore al mese precedente.

Dopo una prima reazione positiva al dato macroeconomico, i cambi che lavorano con la sterlina inglese hanno effettuato dei ritracciamenti all’interno della seduta, mostrando un mercato che al momento si trova in fase interlocutoria. La reazione è dovuta probabilmente a dei dati che da una parte si confermano positivi su base trimestrale, ma dal punto di vista annuale non convincono pienamente gli investitori.

Attendere la fine della giornata potrà sicuramente aiutare nel comprendere meglio la situazione e i diversi quadri tecnici.

In questa video analisi vedremo quello che accade sui cambi che lavorano con la Sterlina inglese, mostrando i principali livelli chiave dove pianificare la nostra operatività.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

Annunci

Sterlina Inglese: operatività e considerazioni dopo gli exit poll

In questa video analisi vedremo quali opportunità operative offre il mercato dopo la vittoria di Theresa May e del partito conservatore.

Prenderemo in osservazione le coppie valutarie con la Sterlina Inglese, andando a fornire suggerimenti e indicazioni dopo questo importante market mover.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per quanto riguarda investimenti.

 

Cambi IN GBP: i livelli da monitorare prima del rilascio del PIL

Fra qualche ora avremo il rilascio del dato riguardanti il PIL su base trimestrale e annuale del Regno Unito. I cambi in GBP mostrano attesa e indecisione essendo davanti a un importante market mover.

In questa video analisi analizzeremo i principali cambi che lavorano con e contro la Sterlina inglese, individuando i livelli chiave su cui pianificare la nostra operatività intraday.

La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta in alcun modo suggerimento per investimenti.

La svalutazione è sempre un qualcosa di negativo?

Molte volte il termine svalutazione  può farci pensare a un qualcosa di negativo, dato che rappresenta un deprezzamento di un determinato strumento finanziario. Questo però può portare una situazione totalmente contraria su altri asset a esso correlati. Perchè queste dinamiche?

In questo piccolo video didattico prenderemo come esempio la correlazione tra l’indice inglese e la sua valuta di riferimento, analizzando il comportamento di entrambi prima e dopo la Brexit.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

FTSE 100: opportunità operative per il lungo termine

L’indice azionario inglese presenta delle buone occasioni per investimenti di lungo termine, dove la gestione del rischio rimane comunque fondamentale. A partire dalla giornata del 24 giugno, abbiamo assistito al recupero del forte movimento discesista causato dalla Brexit, dove si è toccato un supporto fondamentale in area 5.700. Con le sedute successive il prezzo ha nuovamente visto l’ingresso di compratori con un ritorno delle contrattazioni a 6.250.

Come interpretare questo recupero e quali occasioni potrebbe offrire?

Lavorando in ottica di lungo termine e analizzando diversi orizzonti temporali, possiamo ottenere attraverso l’uso dell’analisi tecnica quelle che sono le aree importanti per lavorare sul futures di questo strumento. Una forte zona di resistenza è compresa in un range di 150 punti tra 6.230 e 6.400. In quest’area possiamo aspettarci dei forti movimenti e l’ingresso di nuovi venditori.

Con una gestione del rischio corretta e le dovute attenzioni, è possibile pensare a delle vendite proprio in questa zona, dopo che il mercato avrà comunque dato un segnale di test negativo con un ritorno delle contrattazioni al di sotto dell’area descritta. Fino a quando non ci sono i dovuti segnali è da evitare il posizionamento sullo strumento, a causa di quelli che potrebbero essere forti tentativi di breakout rialzisti.

Deve essere monitorato con estrema attenzione anche il supporto dinamico delinenato dalla linea rossa, che con il suo breakout vedrebbe nuovamente tentativi di vendite.

Senza titolo-2

L’articolo è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

Panoramica dei mercati prima della Brexit

Mancano ormai poche ore al referendum riguardante il Regno Unito. I mercati sono guidati da forte volatilità, specialmente i cambi con GBP, dove abbiamo un posizionamento dei prezzi in aree di contrattazione fondamentali.

In questo video sarà effettuata una panoramica del mercato valutario, azionario e commodities prima di questo importante evento. Verranno forniti suggerimenti su come comportarsi davanti a questo importantissimo evento. L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.