Mediobanca: importante resistenza in area 10.00

Buongiorno a tutti i lettori,
in questo breve articolo ci concentremo sul titolo azionario Mediobanca.

Dal punto di vista tecnico il titolo bancario mostra un’importante zona di resistenza posta in area 9,90-10.00. Questa zona risulta fondamentale per le contrattazioni, dato che in passato ha rappresentato un difficile ostacolo per nuovi movimenti rialzisti. Abbiamo infatti visto come nel 2015 e nelle ultime sedute del 2017, il mercato abbia nuovamente subito delle vendite, andando a evidenziare l’importanza che questa zona rappresenta per gli investitori.

Altro punto chiave da tenere sicuramente in considerazione è l’area di supporto posta tra 9.10-9.30, dove il mercato ha svolto le sue contrattazioni negli ultimi tre mesi, non permettendo ai prezzi di raggiungere quotazioni inferiori.

Sarà importante vedere come il mercato concluderà le sue contrattazioni settimanali, in modo da fornirci importanti indicazioni su come comportarci con il titolo. Per un tipo di operatività più sicura la cosa migliore sarebbe attendere una reazione dei prezzi davanti alla resistenza di 10.00, così da aver possibilità di operare su un ipotetico breakout o cercare nuovamente di vendere il titolo su questo livello.

 

Annunci

FTSE MIB: quali sono i futuri target di prezzo?

Il nostro indice, a differenza di altri mercati europei e americani, continua a non fornire spunti direzionali. Questa situazione di indecisione può essere comunque utile per essere lavorata e darci possibilità di capire quali saranno i futuri target di prezzo. Quindi cosa dobbiamo aspettarci nel caso di un breakout rialzista e ribassista? Quali sono le zone a cui il mercato potrebbe essere interessato?

In questo video analizzeremo il futures del nostro indice, fornendo quelli che potrebbero essere i target di prezzo sia in ottica rialzista che ribassista.

L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

 

 

Titoli bancari: il punto della situazione e come comportarsi

Nel corso dell’anno abbiamo visto il settore bancario fortemente influenzato da quelle che sono state le decisioni politiche e internazionali. A qualche giornata di distanza dal referendum, alcuni titoli sono tornati su livelli fondamentali per le loro contrattazioni, delineando l’importanza che avranno queste decisioni all’interno di questo settore e nell’intero listino. Quali sono le motivazioni e come dovremmo comportarci?

In questa video analisi approfondiremo i movimenti di prezzo sui principali titoli bancari, come MPS o Intesa, individuando quelle che sono le aree chiave per le contrattazioni. Oltre alle informazioni fornite dall’analisi tecnica, prenderemo in considerazione quelli che potrebbero essere entrambi gli scenari sull’esito del referendum.

Il video è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

Unicredit: trading range o inversione?

Il titolo Unicredit, nonostante le forti discese avute nelle sedute precedenti, inizia a mostrare un interessante quadro tecnico per la nostra operatività. Le contrattazioni dei prezzi hanno fornito dei livelli chiave per lo sviluppo di quelle che saranno le prossime sedute, dove una congestione dei prezzi o un primo segnale di ripartenza iniziano ad essere plausibili ipotesi.

Prendendo come riferimento due diversi orizzonti temporali di lungo termine, il grafico daily e settimanale, analizzeremo quello che accade sul titolo bancario, fornendo ipotesi su cosa potremmo aspettarci dai prezzi nelle prossime sedute. Il video è a scopo puramente didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

 

Intesa San Paolo: quando acquistare e perchè non adesso

Il titolo Intesa San Paolo continua a mostrare forte debolezza, come l’intero settore bancario della nostra nazione. I livelli raggiunti dalle contrattazioni dei prezzi, dopo le importanti decisioni del Regno Unito di non essere più parte dell’Unione Europea, rappresentano un forte segnale di allarme che dovrebbe tenere lontani gli investitori da questi titoli.

Quando possiamo nuovamente pensare di acquistare i bancari? In questo video saranno forniti utili suggerimenti su come comportarsi davanti a queste forti discese e quando poter iniziare a pensare a degli acquisti. Saranno inoltre forniti i livelli chiave, l’analisi tecnica e volumetrica del titolo su diversi orizzonti temporali. Il video è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.

Intesa San Paolo: chiare informazioni da prezzo e volumi

I titoli bancari continuano ad essere influenzati e penalizzati da quelle che sono le notizie riguardanti il loro settore, portando il FTSE MIB nuovamente in rosso per la seconda giornata consecutiva.

Intesa San Paolo cede l’1,65% con uno scambio di 114 milioni di pezzi, mostrandosi meno debole di altri titoli dello stesso settore e nonostante la performance negativa, va a fornire importanti indicazioni per una futura operatività.

In questo video analizzeremo il titolo attraverso l’uso dell’analisi tecnica e volumetrica, individuando quelli che sono i più importanti livelli statici e dinamici. L’analisi è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti.